LO GNATOLOGO, QUESTO SCONOSCIUTO…

 | 04 

Da giorni vi accompagna un dolore persistente, sembra un “dolore di denti” ma non è causato da un dente malato, eppure è continuo e fastidioso. Che fare, come riuscire a capirne le origini e soprattutto a risolverlo? A volte dimentichiamo che il nostro corpo è un intreccio di connessioni straordinarie. Un dolore durevole al viso ma anche al collo o alle spalle potrebbe avere origine nella nostra bocca anche se a essere imputato può non essere un dente malato.

Vi sembra un collegamento strano? Provate a parlarne con lo gnatologo. Dei complessi rapporti tra la bocca, il collo, la testa, le orecchie e la schiena si occupa, infatti, la gnatologia, una branca della medicina che affronta le patologie a carico delle articolazioni della bocca e di tutti gli organi ad essa connessi. Il dolore ai denti è in genere di facile attribuzione: la causa può essere una carie, un ascesso, o una gengivite…

Le cose si complicano, invece, quando il dolore non è localizzato a un solo dente, ma a un gruppo di denti, magari di entrambe le arcate. O quando il dolore si estende fino a risalire all’orecchio. O si manifesta nel collo o alle spalle. I fastidi possono anche essere vertigini o senso d’instabilità o, ancora, gli acufeni, quei fastidiosi fischi nelle orecchie. Dolori che spesso non pensiamo possano avere un’origine orale. E si comincia a consultare diversi specialisti: neurologi, fisioterapisti, ortopedici, otorinolaringoiatri, posturologi, e altri ancora. Sovente senza risolvere nulla.

Finché uno gnatologo, osservando il funzionamento della bocca, non inquadra il problema. A quel punto, seguendo attenti e precisi accorgimenti, già in pochi giorni la situazione migliora in maniera inaspettata.

A cura del dott. Mirko Novelli

Per maggiori informazioni contattate il 06.7009912

 

[contact-form-7 404 "Not Found"]

 

Chiamaci ora!
Vai alla barra degli strumenti